domenica 2 aprile 2017

I film iraniani più visti

Se per caso vi siete chiesti quali film iraniani siano stati maggiormente visti, sappiate che è praticamente impossibile pervenire a una risposta che non sia parziale. Per quanto concerne gli incassi in sala, escluse altre modalità di visione come dvd o blu-ray, tv, download e streaming più o meno legali - una fonte dunque decisamente limitata, ma comunque un punto di partenza -, per il botteghino, dicevamo, ci aiuta il database LUMIERE dell’European Audiovisual Observatory. Cliccando sul titolo del film è anche possibile sapere dove è stato distribuito e quanto ha incassato nel singolo paese.

Due o tre cose ancora da aggiungere. La rilevazione riguarda principalmente il mercato europeo (per una visione più centrata sugli Usa c'è Mojo, in cui però va cercato un film alla volta) ed è escluso il premio Oscar "Il cliente", troppo recente perché siano disponibili dati consolidati. Infine i dati partono dal 1996, per cui qualche classico risulta penalizzato. Fatte queste precisazioni, dopo aver selezionato ‘Iran (Islamic Republic of)’ nel filtro ‘Paese produttore o coproduttore`, estrapoliamo la graduatoria e gli incassi annessi, e riportiamo la top-15 con i titoli italiani (laddove disponibili), senza aggiungere commenti.






1. Una separazione, Asghar Farhadi (2011) eur 1.538.000
2. Viaggio a Kandahar, Mohsen Makhmalbaf (2001) eur 1.420.203
3. Taxi Teheran, Jafar Panahi (2015) eur 1.110.438
4. Il cerchio, Jafar Panahi (2000) eur 572.049
5. Il sapore della ciliegia, Abbas Kiarostami (1997) eur 405.091
6. I gatti persiani, Bahman Ghobadi (2009) eur 355.719
7. Il vento ci porterà via, Abbas Kiarostami (1999) eur 284.427
8. Lavagne, Samira Makhmalbaf (2000) eur 230.481
9. Alle cinque della sera, Samira Makhmalbaf (2003) eur 211.918
11. About Elly, Asghar Farhadi (2009) eur 180.585
13. Turtles Can Fly, Bahman Ghobadi (2004) eur 176.200
14. The Colour of Paradise, Majid Majidi (1999) eur 170.294
15. Dieci, Abbas Kiarostami (2002) eur 157.558

Nessun commento:

Posta un commento